Frequenza dei moduli oscillatori

Sappiamo che i moduli oscillatori ("canned oscillator") variano la loro
frequenza con la tensione di alimentazione. La variazione e' minima, ma quel
tanto che basta per generare del DFCW o andamenti (pattern) strani.

Pero' sabato mi e' venuta in mente un'altra cosa, che si applica agli
oscillatori classici, con quarzo e transistor: e se variassimo la capacita' di
carico?

Ho provato cablando al volo alcuni oscillatori presi dal cassetto e caricando
con un condensatore da sintonia AM/FM, ed effettivamente sul frequenzimetro
l'indicazione cambia. Ma alcuni risultati mi sembrano troppo improbabili,
forse il frequenzimetro viene confuso da una forma d'onda non troppo
sinusoidale. Bisognerebbe dare un'occhiata anche con l'oscilloscopio.

Questi moduli dovrebbero avere una capacita' di carico nominale sui 15-20pF.

Bisognerebbe provare se effettivamente cambia qualcosa aggiungendo un
piccolo condensatore verso massa (10pF) tra oscillatore e buffer? Monitorando con un RX lo scostamento. Io metto l'idea in coda alle altre, e spero che qualcuno mi anticipi!